Blog: http://Mia.ilcannocchiale.it

Di paciughi, di sughi e di scarpette, viole e violini e di altri segreti.

Osservo le mie gentili scarpette, fare combriccola con le Primule Allegre.

Si raccontano di baci al Fragolino di bosco, di Margherite con un petalo per la testa, di More bisbetiche domate e di inquiete Viole suonate.
Di lucciole che civettano con i Lamponi che illuminano i sentieri, quando cala la notte. Dell' Uva Spina che si punse un dito, accarenzando l'Agrifoglio e di come la bella, poi, si addormentò nel bosco.

Di Ranuncoli che gracchiano nello stagno mentre sgranocchiano Amarene caramellate e di ambigue Orchi-dee che divorano gli amanti dopo notti di Passion Fruit, mentre la iena Ribes sta a guardare, seduta sul ramo di un ciliegio in fiore (di pesco).
Osservo oltresì la smorfiosa che si intorcinia su Mister Tulipano.Chissà cosa le ha detto? "Parlano d'amore i tulli tulli tulli tulipan".

Le mie scarpette raccolgono i segreti dai fiori. Di notte, ci mettiamo sedute sul pavimento e, mentre sorseggiamo Ambrosia, le signorine, mi regalano l'arcano. Poi, si addormentano e io mi metto al lavoro: a quei segreti ci aggiungo un zic dei miei, trituro, mischio, impasto e ne traggo miele e marmellate.Ben conservate.
Ogni tanto, mi capita di aprire quei vasetti e di infilarci dentro un dito.Come in una piaga.

Quanto sono deliziosi alcuni, però.

Pubblicato il 20/4/2006 alle 20.14 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web